Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della provincia di Vicenza

Fondazione dell’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della provincia di Vicenza

Home > Parcelle > Norme di riferimento

Norme di riferimento

DETERMINAZIONE E LIQUIDAZIONE DEI COMPENSI   PROFESSIONALI.
Criteri da adottare in relazione alla data delle prestazioni professionali e della loro liquidazione . DM. 140/2012 e Sentenze della Cassazione  a  Sezioni riunite n. 17405  e 17406 dell’ottobre 2012 e n. 20421 del 21  novembre 2012

LIQUIDAZIONE DEI COMPENSI PROFESSIONALI - ESEMPI DI CONTRATTI PROFESSIONALI

CALCOLO DEL COMPENSO PROFESSIONALE CON I PARAMETRI DEL  D.L. 140/2012 (determinazione dei parametri per la liquidazione da parte di un organo giurisdizionale dei compensi per le professioni regolamentate vigilate dal Ministero della Giustizia)


NORMATIVA SULLA TARIFFA
AGGIORNAMENTI DAL CNAPPC


REVISIONE DEL CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI
Pervengono a questo Consiglio Nazionale numerose segnalazioni in merito ad affidamenti di servizi di architettura e ingegneria da parte di stazioni appaltanti che stimano i corrispettivi senza riferimento ad alcuna regola.
Nel merito, è bene ricordare il contenuto dell’art. 5 del Decreto Legge 22 giugno 2012, n. 83 (cosiddetto decreto sviluppo), convertito nella Legge 7 agosto 2012, n. 134 (G.U.R.I. n. 187 del 11.08.2012), il quale, recependo gli emendamenti già precedentemente proposti da questo Consiglio, così recita:

1. (…) Ai fini della determinazione dei corrispettivi da porre a base di
gara nelle procedure di affidamento di contratti pubblici dei servizi
relativi all'architettura e all'ingegneria di cui alla parte II, titolo I, capo
IV del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, si applicano i parametri individuati con il decreto di cui al primo periodo, da emanarsi, per gli aspetti relativi alle disposizioni di cui al presente periodo, di concerto con il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti (…).

2. Fino all'emanazione del decreto di cui all'articolo 9 comma 2,
penultimo periodo, del decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 marzo 2012, n. 27, (…), le tariffe professionali e le classificazioni delle prestazioni vigenti prima della data di entrata in vigore del predetto decreto-legge n. 1 del 2012 possono continuare ad essere utilizzate, ai soli fini, rispettivamente, della determinazione del corrispettivo da porre a base di gara per l'affidamento dei contratti pubblici di servizi attinenti all'architettura e all'ingegneria e dell'individuazione delle prestazioni professionali.

Ne consegue che, fino all’emanazione dell’apposito decreto del Ministro della Giustizia, di concerto con il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, permane l’obbligo per i R.U.P. di fare esplicito riferimento al D.M. 4 aprile 2001 ai fini del calcolo dei corrispettivi da porre a base d’asta. Ciò, peraltro, scongiura il rischio che le stazioni appaltanti, sottostimando i corrispettivi, oltre a mortificare i professionisti, possano eludere procedure di evidenza pubblica, in dispregio ai principi di trasparenza a cui si ispira il Codice dei contratti e le direttive comunitarie.

AVVISO IMPORTANTE
Si comunica che in ottemperanza al DL 1/2012, a far data dal 24/01/2012, ogni riferimento alla tariffa professionale in contratti di NUOVA stipula tra professionisti e privati o microimprese, dà luogo a NULLITA’ dello stesso.
Pertanto tutti i riferimenti di calcolo presenti nel sito, nei rapporti tra professionisti e privati o microimprese, possono  essere utilizzati solo ed unicamente per determinare il compenso professionale in lavori GIA’ IN ESSERE alla data di entrata in vigore del DL sopra citato.
Le Commissioni Parcelle sarà comunque a disposizione di tutti coloro che, avendo in corso lavori con decorrenza precedente il citato DL, desiderino una consulenza in materia tariffaria.
Si comunica inoltre che la restante documentazione pubblicata nella Sezione Parcelle è in fase di adeguamento in conformità al D.L. 24 gennaio 2012 n. 1 - Liberalizzazioni.


ATTI DI INDIRIZZO EDILIZIA


ATTI DI INDIRIZZO URBANISTICA


DELIBERAZIONE AVCP n. 49

25/05/2012
In assenza dei riferimenti tariffari abrogati dal DL 1/2012 (convertito in Legge n. 27/2012) l'Autorità per la Vigilanza sui Contratti Pubblici di Lavoro, Servizi e Forniture  con Deliberazione n. 49 fornisce alcune prime indicazioni in relazione alle modalità di individuazione del corrispettivo da porre a base di gara, alla  determinazione dei requisiti di partecipazione  e alla verifica di congruità  delle offerte.

CIRCOLARE CNAPPC N. 66 DEL 22.05.2012

DELIBERAZIONE AVCP N. 29 DEL 03.05.2012

 

295-10 - RIFORMA DELLE PROFESSIONI


Sviluppo sito web: Forma Srl - servizi per internet